Franco Micalizzi si conferma Re indiscusso della Pulp Music








Cultura

Franco Micalizzi si conferma Re indiscusso della Pulp Music

Franco Micalizzi si conferma Re indiscusso della Pulp Music: oggi sono usciti nei principali digital stores mondiali FUNKY ALLIGATOR e IGUANA JOE, i due nuovi singoli del grande Maestro e Compositore d’Orchestra.

Franco Micalizzi, classe 1939, è un pezzo di storia della musica italiana per film: compositore e direttore d’orchestra, è autore di tante colonne sonore di successo a partire dagli anni ’70 (Lo chiamavano TrinitàL’ultima neve di PrimaveraLupin IIIRoma a mano armataNapoli violentaItalia a mano armata…); stimato anche da un regista del calibro di Quentin Tarantino che ha utilizzato i suoi temi in vari film da lui diretti come Grindhouse A prova di Morte e Django Unchained, è in un periodo di grandissima creatività. In attesa di organizzare e far partire, nei prossimi mesi, un progetto internazionale, e dopo essere anche tornato al Cinema recentemente in concomitanza con il ritorno nelle grandi sale di un altro mostro sacro del nostro tempo, Terence Hill, lo incontriamo in un assolato pomeriggio romano, intento a progettare e a comporre musica.

Ho da poco fatto uscire due nuovi brani sulle principali piattaforme digitali mondiali: FUNKY ALLIGATOR e IGUANA JOE. Ho ripensato al genere musicale che amo molto e che ho creato per commentare la serie dei polizieschi all’italiana; quelli che soprattutto portavano la firma di un grande regista: Umberto Lenzi” – dichiara entusiasta il M° Franco Micalizzi.

Innovatore, eclettico, vivace, fuori dai canoni, un poeta musicale; un artista a tutto tondo che si esprime con le note musicali, con le parole, con i modi raffinati degni di un animo sensibile che riesce a trasmettere le sue sensazioni sul pentagramma come tra le righe della sua autobiografia di cui sentiremo sempre più parlare: “Le chiamavano colonne sonore. Golden 70’s”, edita da Viola Editrice.

I film firmati da Umberto Lenzi con le mie musiche hanno avuto molto successo in Italia e una buona diffusione all’estero. Quentin Tarantino ne sa qualcosa!” – prosegue.

Con questi brani, “FUNKY ALLIGATOR” e “IGUANA JOE”, in fondo resto nell’ambito del Cinema avventuroso degli anni ’70, con personaggi pittoreschi e crudeli, con donne belle e malvagie, e con tanta atmosfera di suspence e di tensione. E anche di sensualità. In questo caso, ho forzato il lato ballabile di questa musica“.

Continua il noto compositore e direttore d’orchestra: “I miei brani di quell’epoca d’oro che mi ha visto spesso protagonista sulle scene italiane (e non solo), sono stati campionati in tutto il mondo per fare da sottofondo ritmico-atmosferico alla breakdance e ai breakers“.

Conclude fiero, il nostro gentiluomo Micalizzi: “Dopo essere stato scelto più volte dal grande Tarantino, ho capito che questa mia musica non può essere altro che…PULP MUSIC!”

Lisa Bernardini





Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi