Ne la Egoredazione e ar mare, pe’ banniera blu. - L'Eco Del Litorale | Notizie online








Top

Ne la Egoredazione e ar mare, pe’ banniera blu.

Cari anziati e cari litoranei, sapete che ve dico, che io qui in redazione ce sto da… statua parlante. Volevo di da dio, ma me posso confonne co’ quer poveraccio de Nettuno, che ar Vaticano l’hanno messo tra i profani , ne n’angolo, cor divieto de parlà. Tratanto janno cambiato nome, janno dato ‘n soprannome museale, Poseidon e puro ch’ è ‘na copia de quello fatto da Lisippo, che nun era ‘n falegname come Geppetto, ma che so no scurtore, ‘n bronzista , che me fa venì in mente no stornello romano de quelli forti, che cantavo puro io a Roma, quanno passaveno li frati e che cominciava così: “se sta tonaca de pezza fosse bronzo che bellezzaaa…”. Ma nun posso anna’ avanti sennò me cacceno da sta meravija de vacanza. Aò , sapete che ve dico? Er Litorale è superbamente Ego, come lo era er Re etrusco Tarquinio, come lo era Genova da Repubblica Marinara, com’ erano Anastasia e Genoeffa, sorellastre de Cenerentola, che ereno puro gelose e invidiose , come tutti quelli che je piacerebbe fa ‘n Giornale come l’Eco e invece je tocca accontentasse dell’Ego su facebookke, che ortretutto a me m’ha rovinato, lasciannome ‘ n mezzo a na strada, dov’ero, ma senza più li pizzini addosso. Che ve devo da dì, la crisi a corpito puro noi statue parlanti, per via der progresso e della grobalizzazione. A proposito, ho sentito dì che a Castrum Inui hanno riempito de monnezza er vecchio porto a secco, dove er vate Virgilio se sognò uno delli sbarchi de quello sfigato d’Enea. Beh ! Che se lamenteno: colle casse vote de li comuni ce sta puro che nun je pieno Anchise nell’ospizio e Ascanio all’asilo nido. Pe la monnezza dovrebbero fa come facevano a li tempi der papa re a Roma: li zozzoni li scudisciaveno e li carceraveno.
Comunque, nun so che dì, ho provato a parlà co’ la nova statua de Nocenzo ar Porto, ma quella è appena arivata e nun capisce dove se trova e co chi cià a che fa. Vorrei parlà co marmi vecchi come me, gregoromani, ma qui, tra Anzio e Nettuno, pare che se sieno portati via la qualunque. So’ tutti a Roma e Parigi, ma me sa che quarcuno è arivato puro ortremanica e ortreoceano. Ao’ famoli tornà, che io m’annoio. L’artro giorno m’è toccato anna’ a la marina pe’ vede’ sta banniera blu: niente de che, a me me garba er mare e non pozzo sta a guardà quelli che giocheno a boccetta o tireno la corda, perché quanno se tira troppo c’è er rischio che se rompe. Eppoi, sti due a regge sta banniera come li dioscuri, co li regazzini ar posto de li cavalli, uno co la barba e uno senza, lì impiantati ne la rena a aspettà sotto er sole pe’ du’ ora quelli dell’uno mattina estate: penza se ereno invece quelli der due pe’ quattr’ora e co’ sto giornale ce se doveveno fa’ li cappelli …
Pe’ finì, vojo parlà de Expo, dov’è annato a perde tempo er Direttore, pe’ da n premio a na certa Tania: pe’ fa sta moina poteva anna’ co’ Geracitano a la Stazione de Lavinio e lì, a quéla festa da signori, poteva da na medaja puro ar capotreno !

Pasquino



Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi