Ardea, Iotti bacchetta la maggioranza: "Per 54 euro rischiamo di perdere il finanziamento per il Centro Diurno malati di Alzheimer" - L'Eco Del Litorale | Notizie online




ardea

Ardea, Iotti bacchetta la maggioranza: “Per 54 euro rischiamo di perdere il finanziamento per il Centro Diurno malati di Alzheimer”

“Ennesima risposta imbarazzante dell’amministrazione grillina” è questo il commento del consigliere comunale di Ardea Riccardo Iotti dopo l’interrogazione di consiglio sul Centro Diurno per malati di Alzheimer requisito alla mafia in località Colle romito.

“Ricordo – dichiara Iotti sui social network – che è un servizio socio sanitario fondamentale per i pazienti affetti da alzheimer e che la precedente amministrazione ha lottato anni per ottenerlo. I fondi per la gestione li abbiamo ottenuti battendoci contro altri 21 comuni del distretto RMH e non è stato affatto facile. Siamo riusciti a strappare €145.000 su un totale di €180.000 lasciando solo €35.000 per il centro di monteporzio catone e tutti gli atri comuni in attesa come ad esempio anzio, nettuno, genzano, velletri, ciampino ecc.. L’impegno per il comune di Ardea era quello di ristrutturare il centro e adeguarlo alla normativa vigente per poi ottenere il nulla osta della ASL, fare la gara per la gestione e aprire entro settembre 2018″.

“La precedente amministrazione – aggiunge Riccardo Iotti –  ha approvato il progetto esecutivo per i lavori impegnando €72000 più i costi di progettazione. I lavori sono terminati a dicembre 2017. Sono 7 mesi che tutto tace! Sono 7 mesi che l’edificio è esposto ad agenti atmosferici e intrusioni esterne! Alla domanda sul perchè non avessero ancora richiesto il nullaosta della ASL visti i tempi ristrettissimi della scadenza di settembre 2018 hanno risposto che non avevano i fondi necessari per pagare gli oneri legati alla richiesta di autorizzazione ma li stanno stanziando. Non capendo bene a cosa ci si riferisse ho chiesto di sapere almeno la cifra. Ed ecco la risposta geniale: il costo degli oneri concessori è €54 (cinquantaquattro euro)!”

Dunque – conclude il consigliere comunale –, per 54 euro di oneri rischiamo di perdere un servizio socio sanitario per pazienti affetti da alzheimer cosi importante oltre a tutti i soldi spesi per ristrutturarlo. Non ho altro da aggiungere”.

GUARDA IL CONSIGLIO COMUNALE DEL 29 MAGGIO 2018

 

 







Top