Anzio, lo Sporting San Giacomo escluso dal Torneo delle Litoranee: lo sfogo del presidente Firas - L'Eco Del Litorale | Notizie online




anzio

Anzio, lo Sporting San Giacomo escluso dal Torneo delle Litoranee: lo sfogo del presidente Firas

Sporting San Giacomo escluso dal Torneo delle Litoranee. A comunicarlo è Firas Al Dilaimi Maccioni, presidente dell’ASD Sporting San Giacomo che quest’oggi si lascia andare ad uno sfogo dal sapore amaro:

«Apprendo oggi con sommo stupore e dispiacere l’estromissione delle nostre squadre dal torneo delle litoranee, torneo organizzato appositamente per le società del litorale. E ciò che mi lascia amareggiato è che sono state proprio le grandi società di Anzio e Nettuno ad escluderci.

Uno dei caposaldi dell’ASD Sporting San Giacomo è che lo sport deve unire. Sin dai tempi delle rivalità tra Atene e Sparta, la guerra si interrompeva per dare spazio allo sport.

Così come il senso delle olimpiade: tutti i paesi del mondo si riuniscono sotto la luce della fiaccola olimpica e partecipato ai giochi sportivi. Anche le due Coree si sono riavvicinate in nome e per lo sport. È così che noi affrontiamo lo sport!

Siamo rivali delle altre società, ma mai nemici! Scendiamo in campo col motto del vinca il migliore, e con il pieno rispetto dell’avversario.Purtroppo le altre società non la pensano come noi.

Non comprendo come importanti e grandi società calcistiche di Anzio e Nettuno possano avere così tanta ostilità verso lo Sporting San Giacomo.

Non capendo le motivazioni inutili e senza senso che ci sono state date dagli organizzatori, non mi resta che scusarmi con i miei ragazzi e i loro genitori che ci tenevano a partecipare a questa bella competizione.

Ma i pirati hanno sempre il vento in poppa, infatti insieme alla mia dirigenza stiamo riuscendo ad iscrivere tutte le nostre varie squadre ad altre competizioni e tornei dove ci hanno “spalancato le porte”.

Resta comunque tanta amarezza e sgomento su questo comportamento davvero poco sportivo che più di altri ha penalizzato i nostri bambini».

 







Top