NEL 73° ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE DEL CAMPO DI DACHAU IL MESSAGGIO DI ENNIO BORGIA SOPRAVVISSUTO ALLA PRIGIONIA NAZISTA : “MAI PIÙ LAGER, MAI PIÙ GUERRA!” - L'Eco Del Litorale | Notizie online




aprilia

NEL 73° ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE DEL CAMPO DI DACHAU IL MESSAGGIO DI ENNIO BORGIA SOPRAVVISSUTO ALLA PRIGIONIA NAZISTA : “MAI PIÙ LAGER, MAI PIÙ GUERRA!”

“Mai più lager, mai più guerra!”: questo il messaggio accorato che Ennio Borgia rivolge sempre ai giovani in occasione dei frequenti incontri nelle scuole. Era solo un ragazzino di 16 anni nel 1944 quando venne catturato dalle SS, ma conobbe presto il significato della guerra con le sue contraddizioni, i suoi orrori e lo strascico infinito di dolore e morte.
È l’Associazione “Un ricordo per la pace” nel 73°anniversario della liberazione del campo di concentramento di Dachau, avvenuta il 29 aprile 1945 per l’intervento degli americani, che lo ricorda, tra gli ultimi sopravvissuti viventi al campo nazista di Dachau in Germania.
Nato a Roma nel 1927 Borgia risiede dagli anni 70 ad Aprilia. La sua storia ritrovata è frutto dell’attività di ricerca dell’associazione apriliana che dal 2010 raccoglie testimonianze sul periodo di guerra ed in particolare sulla deportazione e sull’internamento militare nei campi nazisti dopo l’8 settembre 1943.
Nel settembre 2011 Elisa Bonacini, presidente di “Un ricordo per la pace” raccolse la toccante testimonianza nel dvd “Ennio Borgia n°69791: un sopravvissuto a Dachau”. Il video è stato proiettato in diversi Istituti scolastici del territorio pontino in occasione dei numerosi incontri con i ragazzi; nel 2015 il filmato ha ottenuto la concessione del logo ufficiale del 70° Anniversario della Resistenza e della Guerra di Liberazione.
Appena rilevata la storia la Bonacini prese contatti con il Memoriale di Dachau per segnalare la presenza ad Aprilia di un ex prigioniero italiano ancora vivente. La risposta di Dachau fu immediata e calorosa. Borgia venne invitato a Dachau nell’aprile 2012 per partecipare alla cerimonie commemorative della liberazione del campo. Anche la televisione nazionale con una troupe di RAI 1 lo seguì in Germania. Fu una forte emozione per Ennio rivedere dopo tanti anni il luogo dove si trovava la sua baracca n° 25, che ospitava in maggior parte prigionieri italiani, accolto con grande affetto dalla Città di Dachau e dal giovane Sindaco, il Borgomastro Florian Hartmann.
“Mi hanno fatto sentire un eroe!” aveva dichiarato commosso al rientro Ennio che nel viaggio della memoria era stato accompagnato dalla moglie Speranza e dalla figlia Adna.
Le cerimonie commemorative a Dachau si svolgono nel piazzale antistante al crematorio del campo e si concludono con la deposizione delle corone al Memoriale sito nella “piazza dell’appello”. Sempre presente una delegazione della Città di Fondi, gemellata con la cittadina bavarese.
Nel 2012 gli unici sopravvissuti presenti alla cerimonia erano Borgia ed un signore di religione ebraica di 95 anni. Elisa Bonacini :“Di anno in anno sono sempre più rari i testimoni di quel periodo tra i più oscuri della nostra storia. Sta a noi nuove generazioni portarne avanti il ricordo, ora più che mai, per contrastare intolleranze razziali e odio politico che stanno dilagando ancora pericolosamente nella nostra società. “







Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi