Elezioni politiche, governo possibile ma senza una maggioranza l'Italia resta ingovernabile - L'Eco Del Litorale | Notizie online




anzio

Elezioni politiche, governo possibile ma senza una maggioranza l’Italia resta ingovernabile

Sono ancora parziali i dati del voto alle elezioni politiche, ma il quadro che emerge è quello di un’Italia divisa in tre, con nessuna maggioranza.

Al momento risultano 58.525  scrutinate su 61.401 alla camera con la coalizione di centrodestra (36,96%) in leggero vantaggio rispetto al M5s ( 32,50 %) e alla coalizione del centrosinistra (23,03%). Al senato al momento le sezioni scrutinate sono 59.339 e la coalizione di centrodestra è in leggero vantaggio (37,47%) rispetto al M5s ( 32,10 %) e alla coalizione del centrosinistra (23,11%).

Nessuna delle forze politiche in campo ha raggiunto la soglia della maggioranza assoluta e nessuna si avvicina a quella soglia del 40% da tanti considerata garanzia di una maggioranza assoluta, in termini di seggi, alle Camere.

Resta il fatto cha al senato per governare ci vogliono 158 seggi e  volendo ci sono alleanze in grado di dare vita a un esecutivo.

I numeri per un patto tra M5S e Pd – ci sarebbero, magari con Leu a fare da collante. 48 i seggi Pd, 112 quelli del Movimento 5 Stelle, 8 quelli di Liberi e Uguali: la somma fa 168.Ancora piu’ stabile una coalizione tra Lega (57 seggi), Fratelli d’Italia (16) e il M5S (112) perche’ si arriva al risultato di 185. Se si aggiunge Forza Italia si arriva ad una stabilita’ ancora piu’ efficace. Ad oggi pero’ non la vediamo cosi’ realistica questa ipotesi.

Alla camera per governare servono 311 seggi e anche in questo caso ci sono alleanze in grado di dare vita a un esecutivo.

I pentastellati sono a quota 226, sommati ai 135 del Pd e ai 16 di Leu il risultato è 377. Stesso risultato con una coalizione M5S (266 ), Lega (123) e Fratelli d’Italia (28), risultato 377. Con Forza Italia i seggi aumentano.

L’aritmetica dice che un governo è possibile. Ma le strade della politica sono più impervie. Ovviamente resta la soluzione con la base più ampia: un governo di unità nazionale, o un governo di scopo magari per fare la legge elettorale, con tutti o quasi dentro. Ma neanche questa sembra una strada in discesa.

Resta un solo dato, che non può non essere smentito: l’Italia resta ingovernabile e a rimetterci sono sempre e solo gli italiani !







Top