Lavoratori bancari esposti ad amianto interviene l'ONA - L'Eco Del Litorale | Notizie online








Ambiente

Lavoratori bancari esposti ad amianto interviene l’ONA

Lavoratori bancari esposti ad amianto interviene l'ONA

L’Osservatorio Nazionale Amianto sostiene le ragioni dei lavoratori bancari di Palermo esposti ad amianto. Annunciate nuove iniziative nella città di Palermo.

L’amianto è un killer che colpisce anche i lavoratori del settore bancario. L’Osservatorio Nazionale Amianto registra l’adesione di circa 150 lavoratori del settore bancario che anche loro esposti ad amianto, si stanno ammalando e stanno morendo.
Mesoteliomi, cancri polmonari, asbestosi ed altre malattie asbesto correlate: il flagello del III millennio.

Fibra Killer è questo il nome della terribile epidemia abbattutasi sul ventunesimo secolo, dai risultati delle ultime ricerche ONA, pare che nella città di Palermo persino un gruppo di lavoratori bancari siano stati esposti alla fibra killer.

L’O.N.A. – Osservatorio Nazionale Amianto, fin dal 2008, ha denunciato il rischio amianto in Sicilia e nel resto di Italia. Ora è stato attivato un numero verde gratuito anche per i lavoratori palermitani i quali ora possono rivolgersi all’ONA ed all’Avv. Ezio Bonanni, chiamando il numero verde 800034294 segnalazioni di casi di patologie asbesto correlate, che hanno colpito lavoratori bancari in Sicilia.

L’Osservatorio Nazionale Amianto rende pubblico che nel settore bancario infatti sono stati censiti 78 casi di mesotelioma fino al 2011, è un numero considerevole che corrisponde allo 0,5% dei casi, per un numero di lavoratori assolutamente esiguo.
Lo conferma anche il V Rapporto mesoteliomi edito da INAIL, a pagina 174, e pur tuttavia l’INAIL di Palermo non ha rilasciato le certificazioni di esposizione per i lavoratori del settore.

La Sicilia è una delle regioni ove vi è stato un ritardo nell’applicazione della Legge regionale amianto che già dal 2014 imponeva l’istituzione del centro di riferimento presso l’Ospedale di Augusta.
L’O.N.A. Palermo si è presa carico anche dei 150 lavoratori, ed ex, del centro elettronico dell’ex Banco di Sicilia poi diventato Capitalia Informatica che hanno chiesto il riconoscimento dei benefici contributivi per esposizione ad amianto e quindi il prepensionamento, o per coloro che sono già in pensione, l’aumento delle prestazioni già erogate.

Pertanto alla luce di tali avvenimenti l’ONA intraprenderà delle azioni di sollecito verso la Regione, perché si dia corso ad un nuovo percorso rispetto a quello della precedente amministrazione, più volte contestata dall’Osservatorio Nazionale Amianto, con immediata richiesta di emissione dei certificati di esposizione amianto da parte dell’INAIL e dell’attivazione della sorveglianza sanitaria per i lavoratori esposti ad amianto.

Per approfondimenti: https://www.eziobonanni.com/danni-da-amianto-risarcimenti-rendite-e-benefici-contributivi/

Per conoscere ulteriori informazioni sul mesotelioma e le altre patologie asbesto correlate, è possibile consultare anche l’ONA Notiziario Amianto.



Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi