Uranio impoverito, l'ONA interviene sugli ultimi sviluppi - L'Eco Del Litorale | Notizie online




Ambiente

Uranio impoverito, l’ONA interviene sugli ultimi sviluppi

Uranio impoverito, l'ONA interviene sugli ultimi sviluppi

In seguito agli ultimi aggiornamenti sulla relazione finale della Commissione Uranio Impoverito, l’Osservatorio Nazionale Amianto prende posizione in merito, scopriamo come.

Nel corso della scorsa audizione avvenuta il giorno 06.12.2017 dinnanzi alla Commissione parlamentare di inchiesta sull’uranio impoverito, l’Avv. Ezio Bonanni ha sottolineato i preoccupanti dati epidemiologici emersi dalle ricerche.

Sono state proprio tali preoccupazioni a spingere il presidente dell’Osservatorio Nazionale Amianto a richiedere un intervento di bonifica immediato, da effettuare sulle navi e nelle installazioni a terra della Marina Militare e altre Forze Armate, dove nonostante tutto è nota la presenza di amianto.

I dati epidemiologici delineano il perimentro di un tragico quadro che vede protagonisti almeno 570 casi di malattie asbesto correlate, con un’incidenza non inferiore a 2.000 casi.

Sono numeri allarmanti tenendo presente tutte le forme di patologie asbesto correlate: mesotelioma, cancro polmonare, altri tumori del tratto gastro intestinale, asbestosi, ispessimenti pleurici e placche pleuriche, Mesotelioma della tunica vaginale del testicolo, Tumore dell’ovaio ecc, dalla quale risulta sempre più difficile fuggire.

In quell’occasione l’Avv. Ezio Bonanni  ha contestato la lentezza con la quale la burocrazia italiana si muove nei confronti  dell domande di riconoscimetno di causa di servizio e di vittima del dovere, e il fatto che la sorveglianza sanitaria non fosse stata ancora istituita in modo incisivo anche alla luce dell’epidemia di patologie asbesto correlate.

Lo scorso luglio la relazione della Commissione ‘Uranio Impoverito si è conclusa con un positivo epilogo che ha visto diffuse le conclusioni della relazioni ed ha visto schierarsi a favore della causa anche l’On.le Paola Boldrini vicepresidente della Commissione d’Inchiesta ‘Uranio Impoverito’.

Nonostante ciò le conclusioni della commissione uranio impoverito diffuse il 07.02.2018 confermano ancora una volta, la triste situazione, posizione in cui adoperano le Forze Armate.

L’Osservatorio Nazionale Amianto e l’Avv. Ezio Bonanni, pretendono chiarezza e affermano di costituirsi parte civile nell’eventuale procedimento penale che verrà eventualmente istruito dalla procura di Roma nella quale l’On.le Giampiero Scanu (PD) ha inoltrato gli atti e in particolare un documento di 248 pagine.

L’Osservatorio Nazionale Amianto ha istituito il servizio di assistenza medica, cui si può accedere attraverso la sezione del sito istituzionale (https://www.osservatorioamianto.com/assistenza-medica/) e di assistenza legale (https://www.osservatorioamianto.com/assistenza-legale/), e con una particolare attenzione al riconoscimento di vittima del dovere (https://www.osservatorioamianto.com/dipartimenti/riconoscimento-di-vittima-del-dovere/) e anche con attenzione alla problematica uranio impoverito (https://www.osservatorioamianto.com/dipartimenti/tutela-personale-civile-e-militare-esposto-all-uranio-impoverito/).

 



Top