L’INPS dopo tante diffide emana la circolare per applicare la nuova legge sul pensionamento immediato da amianto - L'Eco Del Litorale | Notizie online




Ambiente

L’INPS dopo tante diffide emana la circolare per applicare la nuova legge sul pensionamento immediato da amianto

Chi è malato di amianto ha diritto all’immediato pensionamento, senza limiti di età anagrafica e anzianità contributiva.

La nuova legge fino ad ora non ha trovato applicazione per cavilli burocratici, ora, grazie all’impegno dell’ONA e dell’Avv. Ezio Bonanni, sembra essere saltato l’ultimo ostacolo, perché venerdì 19 gennaio 2018, è stata emanata la circolare congiunta di INPS e INAIL, n. 7 2018, con le istruzioni aggiornate sul riconoscimento della pensione di inabilità in favore dei soggetti affetti da particolari patologie di origine professionale per esposizione all’amianto, ai sensi dell’articolo 1, comma 250, della Legge 11 dicembre  2016, n. 232.

L’Osservatorio Nazionale Amianto ha costituito uno staff per l’assistenza ai cittadini, vittime di queste patologie, per ottenere il pensionamento immediato: è sufficiente contattare il numero verde 800 034 0294.

Le pensioni di inabilità sono prestazioni previdenziali riconosciute ai lavoratori nel caso in cui sorga un’assoluta e permanente incapacità a svolgere una qualsiasi attività lavorativa. Può essere richiesta sia dai lavoratori dipendenti e sia dai lavoratori autonomi. Possono esercitare tale diritto in presenza dei presupposti di legge, anche gli iscritti alla Gestione Separata.

Il diritto  alla pensione di inabilità per i soggetti affetti da alcune malattie connesse all’esposizione lavorativa all’amianto è riconosciuto anche per i casi in cui manchi il presupposto dell’inabilità assoluta.

La prestazione è reversibile cioè assicurata anche agli eredi dell’avente diritto.

I fondi a disposizione per  questa prestazione sono pero limitati a 30 milioni di euro annui.

PENSIONE DI INABILITA’, REQUISITI E DOMANDA

Oltre all’impossibilità di svolgere un’attività lavorativa, sono necessari almeno cinque anni di contributi versati dal richiedente. E’ poi richiesta la cessazione dell’attività lavorativa o la cancellazione dagli albi professionisti nel caso di lavoratori autonomi.

La presentazione della domanda, invece, può avvenire online e con allegata la certificazione medica pertinente a dimostrare l’assoluta e permanente incapacità del lavoratore allo svolgimento di una attività lavorativa.

Per la pensione inabilità, sono poi state di recente introdotte delle nuove patologie a seguito dell’esposizione all’amianto. Quest’ultime, danno diritto a tale prestazione anche nel caso in cui l’incapacità lavorativa sia solo parziale.

PENSIONE DI INABILITA’ PER ESPOSIZIONE AMIANTO, CIRCOLARE INPS

Il documento INPS-INAIL elenca le specifiche malattie per le quali viene riconosciuta la pensione, che sono UNICAMENTE:

  • mesotelioma pleurico (c45.0),
  • mesotelioma pericardico (c45.2),
  • mesotelioma peritoneale (c45.1),
  • mesotelioma della tunica vaginale del testicolo (c45.7),
  • carcinoma polmonare (c34)
  • asbestosi (j61).

E’ necessario  che tali patologie siano riconosciute di origine professionale ovvero come causa di servizio e siano presenti nel momento della domanda.

La certificazione può essere rilasciata dall’INAIL o anche da altre amministrazioni  quali il Comitato di verifica per le cause di servizio di cui all’articolo 10 del D.P.R. n. 461/01 istituito presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze e il  Comitato tecnico per le pensioni privilegiate di cui all’articolo 12 della legge n. 274/91).

LA DOMANDA DI PENSIONE PER INABILITA’ DA AMIANTO 

E’ possibile inviare contemporaneamente l’istanza di riconoscimento dei requisiti e la domanda di pensione. Il termine per l’invio è il 31 marzo 2018.

L’INPS, definisce le modalità di presentazione delle domande per la pensione inabilità per esposizione da amianto che potranno essere presentate telematicamente mediante 3 importantissime opzioni, quali:

  • Domanda online tramite accesso diretto al sito del Pin e muniti di un Pin personale.
  • Domanda online tramite contact center.
  • Supporto di intermediari autorizzati per la presentazione della domanda online.

Le domande saranno accolte sulla base dei seguenti indicatori:

  • maggiore vicinanza all’età per la pensione di vecchiaia
  • maggiore importo dei contributi versati 
  • in caso di parità,  anche  sulla base della data di presentazione della domanda 

La pensione viene erogata dal mese successivo al momento di riconoscimento dei requisiti, o per gli iscritti alla gestione esclusiva, dal giorno successivo alla cessazione del lavoro.

La circolare infine elenca i casi di possibile cumulabilità della pensione di inabilità per esposizione all’amianto, con altre prestazioni assistenziali e pensioni INAIL e le modalità di erogazione delle indennità di fine servizio.

 

 

 

 

 

 

 

Top