Sabaudia: torna la storia campagna nazionale di Legambiente "Spiagge e Fondali puliti 2017" - L'Eco Del Litorale | Notizie online


Ambiente

Sabaudia: torna la storia campagna nazionale di Legambiente “Spiagge e Fondali puliti 2017”

Il 2017 rivede il litorale Sabaudia protagonista di una delle campagne più amate e seguite di Legambiente: Spiagge e Fondali Puliti – Clean up the Med, le giornate che vedono come temi centrali la tutela del mare, delle coste, la denuncia della mala gestione dei litorali. Quest’anno i dati presentati da Legambiente relativi all’indagine condotta sui rifiuti presenti nelle spiagge italiane indicano una situazione critica in molti arenili delle nostre coste: su 62 spiagge monitorate sono stati rinvenuti 670 rifiuti ogni 100 metri. La plastica si conferma il materiale più rinvenuto, seguito da vetro/ceramica, metallo, carta e cartone.

Per sensibilizzare su questa tematica e portare all’attenzione dei cittadini in prima persona i temi della beach litter e dei corretti comportamenti individuali da assumere, con il contributo di tutti e tramite azioni concrete, per contrastarne l’avanzata, il Circolo Larus Legambiente di Sabaudia organizzerà quindi l’appuntamento per:

DOMENICA 4 GIUGNO 2017 DALLE ORE 9,30 ALLE ORE 13,00

STRADA LUNGOMARE DI SABAUDIA, ALTEZZA DI VIA S. ANDREA – CAMPING SABAUDIA

Il messaggio che si vuole trasmettere è semplice e cioè che non sporcare richiede uno sforzo minore di quello necessario per ripulire. Ai volontari e simpatizzanti che vorranno dare il proprio contributo, verrà pertanto fornito materiale di supporto per la raccolta, nonché materiale informativo e documentario e l’iniziativa sarà accompagnata anche da brevi interventi divulgativi sugli aspetti naturalistici, storico-archelogici e geomorfologici del delicato sistema dunale in generale.

L’atto di raccogliere i rifiuti e di ripulire un tratto di spiaggia rappresenta un piccolo gesto, ma di grande valore simbolico che parte dalla consapevolezza che è possibile, con uno sforzo comune, correggere abitudini incivili e capire il vero valore del proprio litorale. Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.





Top