A Roma la quattordicesima edizione del Daddy’s Pride: la marcia mondiale dei papà separati - L'Eco Del Litorale | Notizie online




Cronaca

A Roma la quattordicesima edizione del Daddy’s Pride: la marcia mondiale dei papà separati

Grande presenza di papà provenienti dal litorale romano e dalla provincia di Latina e Frosinone

Si è svolta a Roma la quattordicesima edizione del Daddy’s Pride, la marcia mondiale dei papà separati di tutto il mondo, organizzata per rivendicare il diritto inviolabile di ogni bambino di amare due genitori e quattro nonni. Il raduno è iniziato alle ore 9.00 da Piazza della Piazza della Madonna di Loreto, alle ore 10.30 si è tenuto il comizio per poi iniziare la vera e propria marcia in via dei fori imperiali fino al Colosseo.   A partecipare non solo padri, ma anche mogli, nonni e figli provenienti da tutta Italia.

Secondo i dati Istat, su ogni 1.000 matrimoni in Italia, 311 finiscono con una separazione e 174 con un divorzio. Per molti genitori (specialmente uomini) questo significa vivere in povertà e in condizioni di bisogno d’assistenza. E così molti papà separati, dopo aver vissuto la difficile esperienza del divorzio si mettono in gioco per non far dimenticare a nessuno che la paternità è importante e che essere papà a volte è una sfida molto difficile.

I nuovi poveri. A viaggiare di pari passo con le separazioni è la povertà. In caso di separazione legale o divorzio, di solito molti papà sono obbligati ad abbandonare la casa dove vivevano con la moglie e i figli e a provvedere al loro mantenimento, spesso affidandosi esclusivamente al proprio stipendio. Una situazione che porta sempre più “ex” a farsi ospitare da amici o addirittura a vivere in macchina e a mangiare alle mense organizzate dalla Caritas. Secondo lo studio “Povertà e vulnerabilità dei genitori separati”, condotto dall’organizzazione cattolica, i padri separati non hanno solo il bisogno materiale di trovare un tetto sotto il quale vivere. Ma hanno anche la necessità di ritrovare sé stessi, dopo il trauma della separazione, e di trovare un luogo sicuro e accogliente dove ospitare i figli.

Una casa per i papà. Negli ultimi anni però molte associazioni e cooperative sono scese in campo con interventi concreti a favore dei papà separati. Sono nate così decine di strutture di accoglienza e di supporto. A Roma, per esempio, il Comune si è mosso in prima persona, creando “La Casa dei papà”. In altre dieci città le Caritas diocesane e quella nazionale hanno aperto delle strutture che sono molto più di semplici luoghi dove tornare a dormire la notte.

Cosa succede dopo una separazione. Ma perché i padri si trovano spesso a subire le conseguenze del divorzio? “Bisogna pensare che nella maggior parte dei casi i figli vengono affidati alle mamme, alle quali, di conseguenza, è affidata anche la casa dove continuare a crescere i bambini. Ovviamente, non tutti gli uomini separati possono permettersi di pagare un secondo affitto o un secondo mutuo e così comincia il loro dramma, che è anche un dramma sociale. Basti pensare che ci sono circa 150mila padri che vivono in una situazione di totale indigenza”. E questo nonostante nel 2006 sia stata varata la legge sul cosiddetto affido condiviso.

Una legge poco applicata. Nel concreto però, la legge difficilmente viene applicata in maniera corretta e il risultato è che l’affido, di fatto, continua ad essere dato nella maggior parte dei casi alle madri, mentre ai padri viene riservto il diritto di vedere i propri figli per uno o due giorni a settimana o per due week-end al mese. E poi ci sono le situazioni in cui uno o entrambi i genitori utilizza i bambini come mezzi per battaglie legali o sentimentali”. Non sono rari i casi di madri o padri che negano il diritto all’altra parte di vedere i figli.

Troppo spesso i papà sono vittime di false accuse. E così tanti uomini si trovano lontano da casa e dai loro figli con accuse infamanti di presunti maltrattamenti in famiglia creati ad hoc da ex moglie per il solo scopo di impedire la frequentazione con i propri figli o avere vataggi personali. E così molti diritti legittimi di genitori vengono incredibilmente calpestati e ignorati da tribunali, magistrati, operatori sociali e politici.

Le proposte per arginare il disagio. Negli ultimi anni, le ripercussioni dei divorzi o delle separazioni sulla vita dei padri sono diventate argomento di discussione per esperti e associazioni di genitori. E non mancano delle proposte concrete per porre un freno al disagio materiale e morale:

1) Reale affido condiviso, ovvero tempi paritetici per entrambi i genitori,e doppio domicilio per il figlio;
2) Mantenimento diretto,ovvero ogni genitore provvede direttamente al sostentamento del figlio,e suddivisione equa delle spese straordinarie,con applicazione di un assegno di mantenimento solo nel caso di latitanza di uno dei due;
3) Sanzioni pecuniarie severe,e perdita dell affido del figlio a favore dell’altro genitore,nel caso di comportamenti ostacolanti l’affido condiviso o atteggiamenti alienanti nei confronti di uno dei genitori;
4) Gestione della casa familiare secondo il diritto di proprieta’,ovvero se bene comune obbligo di vendita della stessa a beneficio di entrambi(a meno di accordi tra le parti),o allontanamento del non proprietario;
5) Obbligo di mantenere domicilio o residenza, ovvero l’obbligo per entrambi i genitori di vivere entro una distanza ragionevole che non ostacoli il rapporto del figlio con entrambi;
6) Applicazione della responsabilità civile per i magistrati nel caso di dolo dovuto alla non applicazione della legge;
7) Mediazione familiare obbligatoria, per diminuire il contenzioso in sede giudiziaria. Come vedete non si parla mai di GENERE (rifermineto al sesso del genitore):sono proposte che non cadono nel femminismo o nel maschilismo ma regole chiare,equilibrate e di buon senso,gia’ applicate in tanti paesi sicuramente piu’ civili dell’Italia.

Massimiliano Gobbi

12052659_992453197492185_8348758671059445193_o

12671738_992455084158663_6221064516767507912_o

12034329_992449594159212_6821471857586925478_o
12440637_992453254158846_1316551468325191084_o

12525544_992456970825141_1548507512553407275_o

12885714_992451277492377_2457481536343935715_o

DSC01179

12779070_992457174158454_5044247721655855445_o

12829216_992458124158359_6639037126286297906_o

12719176_992458214158350_9155677184534524443_o DSC01143

12495997_992458474158324_4594070390746919114_o

DSC01136



Top